A casa con i suoiA casa con i suoi

Titolo originale: ”Failure to Launch

Regia: Tom Dey

Produzione: USA 2006

TRAMA

Tripp ha 35 anni e non ha ancora lasciato il nido familiare. I suoi genitori, esasperati, assumono Paula, una giovane e attraente ragazza, al fine di indurlo ad andare a vivere da solo.

SPUNTI PER LA RIFLESSIONE

1. Nella tua esperienza come genitore, quale tra questi verbi descrive meglio l’approccio ai tuoi figli: allevare, proteggere, crescere, rendere autonomo, guidare, educare, insegnare, formare. Argomenta la tua scelta e, qualora non ti riconoscessi in quelli elencati, definisci il “tuo” verbo.

2. Ripercorrendo la tua storia, rifletti sugli eventi e sugli incontri decisivi che ti hanno fatto maturare la tua attuale visione della genitorialità.

3. Nel relazionarti con tuo/a figlio/a, guardi a lui/lei come ad una persona indipendente da te, con un suo personale vissuto, propri bisogni e desideri? Quanto spesso gli/le chiedi “cosa pensi di questo”?

4. La famiglia può diventare fonte di identità per il soggetto dipendente (figlio/a o genitore) che solo in essa si riconosce. In un cerchio formato da 5 anelli concentrici inserisci i sostantivi che definiscono la tua identità, mettendo al centro ciò che più ti caratterizza fino ad arrivare all’ultimo anello. Analizza, poi, sulla base delle tue scelte, la percezione che hai di te stesso/a.

LA FRASE

Tripp lascia il nido familiare e, dopo alcuni giorni, ha un incontro con la madre che comunica le proprie emozioni al figlio attraverso le parole riportate di seguito. “Per anni ho temuto il giorno in cui ci avresti lasciato ed ho sempre pensato di temerlo perché mi saresti mancato, ma, poi, mi sono resa conto che questa era solo una parte. Non volevo che te ne andassi perché stare da sola con tuo padre mi mette una strizza dell’altro mondo! Sono terrorizzata […] adesso dovremmo ricominciare da capo a cercare di conoscerci”.

Rifletti su questa sequenza filmica e individua quelle che secondo te possono essere le modalità più adeguate per non sentirsi “persi” quando i figli lasciano la casa dei genitori.

Filmografia consigliata:

El nido vacío, Daniel Burman, 2008.

Tanguy, Ètienne Chatiliez, 2001.

Il padre della sposa, Charles Shyer, 1991.

E poi se se ne vanno? Giorgio Capitani, 1989.

E se non se ne vogliono andare! Giorgio Capitani, 1988.