Una lampada accesa

Il Simbolo dell'incontro di oggi sarà una lampada accesa posizionata in modo da far luce e di essere perciò vista anche dall'esterno del Tempio. Durante la condivisione o le preghiere anche i partecipanti potranno utilizzare delle lanterne a significare la testimonianza e la vigilanza a cui siamo chiamati. Raccomandazione: i testi non vanno letti per …

Il diritto di danzare

Proposta Liturgica Invocazione: Tu hai mutato il mio dolore in danza; hai sciolto il mio cilicio e mi hai rivestito di gioia, perché io possa salmeggiare a te, senza mai tacere. O SIGNORE, Dio mio, io ti celebrerò per sempre. Salmo 30:11-12 Creatore dell’universo, che nutri gli uccelli del Cielo e vesti i gigli dei …

Il diritto di giocare

Proposta liturgica Dalla bocca dei bambini e dei lattanti hai tratto una forza, a causa dei tuoi nemici, per ridurre al silenzio l’avversario e il vendicatore.  Salmo 8, 2 Preghiera: Padre immensamente grande, grazie per esserti fatto infinitamente piccolo nel tuo figlio Gesù e averci donato la libertà dello Spirito d’amore che rende grandi i …

Monologo: King, visitato da un gruppo di persone nel carcere di Birmingham (Alabama)

di Massimo Aprile L'attore interpreta Martin Luther King Junior, mentre a cavallo della settimana di Pasqua del 1963, si trova nel carcere di Birmingham. Martin è seduto. Davanti a lui c'è una grata. Egli ha davanti a sé una Bibbia, un innario cristiano e un rotolo di carta igienica.   " Ciao ragazzi. Grazie della …

Il diritto di lodare

Emanuele G. Aprile Vi proponiamo di seguito alcuni inni che pensiamo possano essere condivisi e cantati in questa settimana, inserendosi pienamente nella riflessione sui diritti umani. Possiamo utilizzarli in incontri organizzati ad hoc o nella liturgia domenicale. Nella scelta di questi canti abbiamo pensato soprattutto a diverse dimensioni del viaggio: da un lato un viaggio …

Il diritto di cantare – Settimana di evangelizzazione per i diritti umani

ALLE FRONDE DEI SALICI  E come potevamo noi cantare  Con il piede straniero sopra il cuore,  fra i morti abbandonati nelle piazze  sull’erba dura di ghiaccio, al lamento  d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero  della madre che andava incontro al figlio  crocifisso sul palo del telegrafo?  Alle fronde dei salici, per voto, anche le nostre cetre …