Il diritto di Pensare

“Se salgo in cielo tu vi sei; se scendo nel soggiorno dei morti, eccoti là. Se prendo le ali dell’alba e vado ad abitare all’estremità del mare, anche là mi condurrà la tua mano e mi afferrerà la tua destra”.
Salmo 139:9-10

Da sempre l’essere umano si è spinto oltre le proprie barriere e oltrepassando l’orizzonte del noto si è proteso verso l’esplorazione dell’ignoto. Che si tratti di orizzonti scientifici o geografici, di montagne, di spazi siderali, o addirittura di regioni dell’anima, la nostra specie ha sempre seguito il suo istinto di “scoperta e di conquista”.

La narrazioni bibliche della torre di Babele e dell’Eden ci ricordano di questa antica aspirazione umana, similmente ai miti senza tempo di Icaro o Prometeo, non mortificando la nostra sete di conoscenza, ma mettendoci in guardia circa la nostra brama di conquista fino a voler occupare il posto di Dio.

[…]

 

Scarica l’intera scheda!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...